Scrittura per la comunicazione e per il web

SCRITTURA PROFESSIONALE

Laboratorio di scrittura per la comunicazione e per il web

presentazione aperta: giovedì 5 ottobre

laboratorio: 28 ottobre-13 gennaio 2018

minimum fax, via Pisanelli 2, Roma

  • SCRIVICI

    Per maggiori informazioni:

Scrivere in modo limpido, corretto, pulito, con contenuti chiari, ma non necessariamente semplici, è la base per ogni buona scrittura: con scrittori e professionisti della comunicazione ci concentreremo su come una scrittura buona possa essere il contenuto principale di una comunicazione efficace; su come, imparando a conoscere strumenti e canali a disposizione, un messaggio possa trovare sempre la sua forma migliore.

Il laboratorio, a cura di Valentina Aversano (comunicazione web minimum fax), avrà un carattere molto pratico: per più di due mesi (da ottobre 2017 a gennaio 2018), fra ore di laboratorio e lezioni tematiche con ospiti esterni, lavoreremo con gli strumenti di chi scrive per la comunicazione, costruiremo strategie e piani di comunicazione, metteremo alla prova i nostri testi e le nostre idee, da un buon nome e un buon titolo a una buona tagline, dai contenuti per i social media alle newsletter.

Obiettivo del laboratorio è quello di acquisire confidenza e padronanza con la scrittura professionale per la comunicazione: la creazione di contenuti efficaci e adatti ai vari canali e alle varie piattaforme. Per questo gran parte delle ore sarà dedicata all’analisi di esempi, a esercitazioni, simulazioni, prove pratiche e alla revisione dei testi prodotti.
Grande attenzione verrà posta sulla creatività e sulla qualità dei testi, sulla pulizia e correttezza sintattica, sulla coerenza e capacità di sintesi, cercando di coniugare le esigenze promozionali e di marketing con l’importanza dei contenuti per il lavoro culturale.

 

A CHI È RIVOLTO

A chi vuole lavorare nella comunicazione e nella produzione di contenuti; a chi vuole declinare le proprie capacità di scrittura creativa in competenze professionali spendibili sul lavoro; a chi lavora o vuole lavorare per un progetto culturale e a chi vuole lanciarlo; a chi vuole gestire al meglio il proprio sito o proprio blog; a chi si trova a gestire il lancio di un progetto o la sua campagna di crowdfunding; a chi ha un’attività culturale o una piccola impresa e ha bisogno di comunicarla e raccontarla al meglio.

ISCRIZIONI

  • QUOTA CORSO COMPLETO

    915,00 euro (750,00+iva)

    È possibile versare la quota in tre rate da 305,00 euro ciascuna.

    La quota comprende l’intero corso (sia le lezioni tematiche che gli incontri di laboratorio).

  • QUOTA LEZIONE SINGOLA

    È possibile iscriversi solo agli incontri del sabato.

    La quota per singola lezione tematica è di 175,00 euro (144,40+iva).

  • PREISCRIZIONE ONLINE

    Per fermare subito il tuo posto, compila il form di preiscrizione.

STRUTTURA DEL CORSO:
le lezioni intensive del sabato (10.30-17.30)

Le lezioni tematiche prevedono l’intervento di ospiti esterni e saranno incentrate su un tema specifico.

  • Copy e web writing. Scrivere per la comunicazione, con Gaia Manzini (scrittrice, pubblicitaria freelance) – sabato 28 ottobre 2017
  • Blog e piattaforme di pubblicazione, con Martina Recchiuti (caposervizio web e tecnologia, Internazionale) – sabato 4 novembre 2017
  • Social media, con Letizia Sechi (digital content RizzoliLibri) – sabato 18 novembre 2017
  • Newsletter e strumenti di web marketing, con Moreno Scorpioni (digital marketing specialist, RizzoliLibri) – sabato 2 dicembre 2017

COPY E WEB WRITING

Con Gaia Manzini vai alla bio docente »

Mattina

  • L’albero e l’atomo. Ovvero, sulle differenze tra la scrittura narrativa e la scrittura per la comunicazione.
  • Natura “atomica” della scrittura pubblicitaria e modello olistico di comunicazione. Chi sa fare comunicazione olistica può affrontare qualsiasi brief!
  • Esercizio: Mi lancio. Se ognuno di voi fosse un prodotto come si lancerebbe sul mercato? Ogni studente proverà a scrivere un messaggio sintetico ed efficace, pensato come un post di facebook, di twitter o come un breve testo pubblicitario, con il quale presentarsi alla classe.
  • La punteggiatura nella comunicazione, la sintesi, l’approccio laterale, l’irrinunciabile sinergia con le immagini.
  • Esercizi di punteggiatura: come trasformare un testo informativo in un testo comunicativo.
  • Esercizi in forma di brainstorming sull’approccio laterale.
  • Esempi internazionali di comunicazione olistica. Campagne storiche, campagne innovative, soluzioni geniali.
  • Digressione sul “linguaggio delle cose”: cosa ci dicono gli oggetti? Cosa ci comunica la loro forma? Perché ci piacciono o non ci piacciono? Da qui, la scelta di un prodotto sul quale concentrarci nelle tre ore del pomeriggio.

Pomeriggio

  • Naming e pay off. Introduzione ed esempi, ma soprattutto un esercizio pratico: inventeremo il nome del prodotto individuato nella prima fase e il pay off che riterremo più efficace.
  • Come deve essere il sito del nostro prodotto? Cosa ci scriveremo?
  • Proviamo:

– a inventare un video virale.

– a pensare a un’iniziativa sui social.

– a utilizzare i media non convenzionali per rendere ancora più inaspettata la nostra idea.

– a ideare un evento legato al nostro prodotto.

  • Proviamo a pensare a delle joint venture possibili con altre aziende. Questi accordi possono avere un nome?
  • Più pezzi avremo e più la nostra comunicazione olistica sarà pronta al lancio!
  • Riepilogo delle regole di olismo, sintesi, lateralità nella scrittura per la comunicazione.
  • Conclusione con l’invenzione del nome del nostro gruppo creativo e della nostra tagline.

BLOG E PIATTAFORME

Con Martina Recchiuti, caposervizio web e tecnologia a Internazionale
Mattina
  • A cosa serve un blog o un sito personale
  • Individuare il proprio pubblico
  • Strutturare il progetto su carta
  • Basi di scrittura per il web: come scrivere un buono titolo, trovare il tono giusto, imparare a usare i link, scegliere le immagini, uso delle didascalie, delle fonti, dei grafici eccetera.
Pomeriggio
  • Abbiamo un progetto: come lo distribuiamo? Con i social network, per email, con una newsletter, su Telegram. Come personalizzare i testi in base a social network diversi
  • Il blog è online: qualcuno lo sta leggendo? L’importanza di Chartbeat, Google analytics e gli altri software per misurare il traffico su un sito
  • Come usare i dati per cambiare tutto in corso d’opera se le cose non funzionano. Come gestire un’ondata di commenti negativi sui social network
  • Infine un blog può evolversi fino a diventare altro, per esempio una newsletter, un podcast, un progetto fotografico, un fumetto pubblicato su carta, uno spettacolo dal vivo: alcuni esempi.
***
Esercizi pratici: i partecipanti avranno l’opportunità di ideare e discutere il loro progetto con gli altri, esercitarsi sulla scrittura, l’uso dei social network (Facebook, Twitter, Instagram) per promuovere le loro idee e ricevere consigli su come metterle a frutto.

WEB CONTENT E SOCIAL MEDIA

Con Letizia Sechi, digital content RizzoliLibri

Mattina

  • Introduzione: cos’è il content marketing? A cosa serve, come e dove si fa, con quali obiettivi?
  • Panoramica degli strumenti: siti, blog, social media, newsletter e tutto il resto all’occorrenza.
  • L’occhio editoriale e l’occhio del marketing: scegliere dove essere presenti e come; se, quando e quanto investire. Definire obiettivi e identità.
  • Elaborare una strategia e pianificare una tattica: costruire un piano strategico, individuare pubblico e contenuti.

Pomeriggio

  • Focus sui social media: buone pratiche per il community management e il monitoraggio dei principali ambienti sociali online.

NEWSLETTER E STRUMENTI DI EMAIL MARKETING

Con Moreno Scorpioni, digital marketing specialist, RizzoliLibri

Email marketing: cos’è

  • Cos’è il Direct Email Marketing
  • E-Commerce B2C: quali sono le barriere all’ acquisto?
  • Come influisce il Direct Email Marketing sull’ orientamento all’acquisto del consumatore
  • Come usare le Email per operazioni di Marketing

 

Pianificazione di una campagna di DEM (direct email marketing)

  • L’obiettivo di una campagna DEM
  • Misurabilità dell’obiettivo
  • Dal dato alla strategia
  • Perché spesso manca l’interpretazione strategica?
  • Il Roi: return of investiment, come misurarlo

 

Come creare una newsletter

  • La fidelizzazione: il cliente come patrimonio
  • Come l’email marketing aiuta ad acquisire nuovi clienti
  • Perché l’email marketing rafforza il Brand?
  • Cosa sono le operazioni di UP selling e Cross selling?
  • Quanto costa acquisire un nuovi utenti?

 

Privacy & Spam

  • Cos’è lo spam
  • Che cosa non confondere con l’email marketing
  • Aspetti normativi
  • Informativa
  • Consenso
  • B2B e B2C: differenze
  • Acquisto o affitto di liste

 

Quando l’email suscita interesse

  • Come si misura l’ apertura di una Email?
  • Quali sono i problemi rispetto alla misurazione?
  • Quali sono gli elementi distintivi di una Email coinvolgente?
  • Come si misura il comportamento dell’ utente?

 

Come creare email efficaci

  • Quali sono i problemi di compatibilità con i Browser?
  • È importante un messaggio personalizzato?
  • Quanto deve essere lunga una email efficace?
  • Quanti link deve avere una email efficiente?
  • Meglio una email testo o HTML?
  • Perché usare un template responsive?
  • Come si scrive una email leggibile da mobile?

 

Come misurare i risultati di una campagna di email marketing?

  • Quali sono le caratteristiche di una landing page EFFICACE per una Campagna Email Marketing?
  • Come Misurare il traffico con Google Analitics
  • Email Test. Cos’è l’email A/B testing?
  • KPI: Delivery Rate / Bounce Rate / Spam complaint Rate / Unique open Rate / Open Rate / Conversion Rate / Click Rate / Click-through Rate / Unsubscribe Rate

STRUTTURA DEL CORSO:
gli incontri del laboratorio (sabato 10.30-18)

Le lezioni di laboratorio avranno un carattere più pratico: serviranno ad approfondire i temi delle lezioni tematiche e per le esercitazioni.

Saranno 3 incontri, più un’esercitazione ulteriore (e facoltativa) durante la fiera della piccola e media editoria Più libri più liberi di Roma, a cura di Valentina Aversano.

Nelle esercitazioni i partecipanti potranno curare la comunicazione di un progetto unico su cui declinare le varie prove: il progetto scelto potrà essere quello a cui i partecipanti stanno già lavorando, anche se ancora in fase di progettazione, o uno assegnato dalla docente.

Date:

  • Prima giornata di laboratorio, con Valentina Aversano, sabato 11 novembre 2017
  • Seconda giornata di laboratorio, con Valentina Aversano, sabato 25 novembre 2017
  • Esercitazione facoltativa: Roma Più libri più liberi, 6/10 dicembre 2017
  • Terza giornata di laboratorio, con Valentina Aversano, sabato 13 gennaio 2018

I CONSIGLI DEI DOCENTI: MARTINA RECCHIUTI

Abbiamo raccolto, dai nostri docenti, alcuni consigli su come affrontare le sfide che incontra chi si occupa di comunicazione.

Nel video che segue Martina Recchiuti racconta, in una TEDx Talk, come le nuove tecnologie stanno cambiando il modo in cui i giornali distribuiscono le notizie.

Scrivi, riscrivi e condividi

Se qualcuno ti offre un posto su un razzo, tu non stare a chiederti di quale posto si tratti: sali e basta.

Negli ultimi anni sono nati nuovi strumenti per entrare in contatto con i lettori, ascoltare i loro suggerimenti e studiare il modo in cui leggono le notizie. Il risultato è che oggi i giornali possono permettersi di sperimentare nuove strategie, fare dei test in tempo reale e analizzare i dati per raggiungere un pubblico sempre più ampio e appassionato. In tutto il mondo i grandi mezzi d’informazione hanno capito che non basta più scrivere delle buone notizie, ma bisogna distribuirle nel migliore dei modi. E usare le nuove tecnologie per diventare più veloci, accurati e innovativi.

 

Martina Recchiuti lavora a Internazionale dal 1995 e si occupa di tecnologia, web e social network. Ha pubblicato un libro (A spasso sul Google taxi), ha tradotto una graphic novel (Fun home di Alison Bechdel), ha curato l’edizione italiana di un libro di Rob Brezsny (La pronoia è l’antidoto alla paranoia), ha collaborato come illustratrice con la Sissa Medialab di Trieste.

Ha partecipato a vari incontri su web e giornali organizzati dal quotidiano britannico The Guardian e dalla World association of newspapers and news publishers. Ha partecipato a una TedX.

I CONSIGLI DEI DOCENTI: LETIZIA SECHI

Vi riportiamo le slide della lezione di Letizia Sechi dello scorso anno: tutto ruota intorno a un punto fondamentale: prima ancora che cercare le risposte giuste, è necessario trovare un metodo per porsi le giuste domande.

Content Marketing: un metodo per porsi le domande giuste

 

Ho preferito impostare il discorso più su teoria e metodo, rispetto a un elenco di strumenti che sarebbe invecchiato nel tempo chiudere le slide e sarebbe stato poco costruttivo, tutto sommato. Impadronirsi dei ragionamenti mi sembra sempre più importante dell’essere aggiornati sull’ultimo software sul mercato: per imparare a pensare bene non serve un’astronave, carta e penna bastano per chiarirsi le idee.

Facendo tesoro della mia esperienza ho cercato di offrire strumenti che permettano di disinnescare, se non del tutto almeno in parte, le stravaganti pretese di chi nelle aziende spesso ha potere decisionale ma nessuna competenza; di offrire argomenti da contrapporre con intelligenza alle varie convinzioni infondate e leggende metropolitane con cui chi fa questo mestiere può trovarsi a fare i conti.

Il post completo lo trovate qui.

 

Letizia Sechi lavora in editoria dal 2008 e dal 2010 ha a che fare con l’editoria digitale. Si è occupata dell’intersezione tra aspetti editoriali e tecnologici sotto vari punti di vista per 40k e Bookrepublic. Dal 2011 al 2013 ha insegnato Editoria Digitale al Master in Professioni e Prodotti dell’Editoria (Pavia); dal 2010 si occupa di formazione riguardo vari temi legati al digitale. Dall’aprile 2013 collabora con RizzoliLibri nel digital marketing, per i marchi Rizzoli, BUR, Fabbri Editori e Bompiani. Con Apogeo ha pubblicato Editoria digitale (2010) e Oltre la carta (2011).

I CONSIGLI DEI DOCENTI: GAIA MANZINI

Quali sono le difficoltà maggiori che i nostri docenti hanno incontrato nel loro mestiere e come le hanno superate (se le hanno superate: oppure come ci convivono)?

Ecco la risposta che ci ha dato Gaia Manzini.

Colpi di parole, avverbi in resta, immagini di battaglia

 

Quando si deve comunicare qualcosa, la prima sfida è scegliere il tono giusto. Il tono è un punto di vista fondamentale sull’oggetto della nostra comunicazione.

Una volta capito il tono, non è mai difficile trovare cosa dire, ma come dirlo. L’intonazione c’è, ma poi? Le parole che seguono devono esprimere nel modo più sintetico possibile un concetto anche complesso.

Certo, non è finita qui.

C’è da trovare l’idea (visiva, grafica e non solo) che meglio esprima quello che vogliamo comunicare. E poi c’è da convincersi che quella è l’idea giusta. Come? Ovviamente cambiando idea per quattro giorni di fila. Provando, battendo nuove strade, fino a tornare al punto di partenza. E quindi convincere tutti gli altri che la nostra è l’idea perfetta.

Ma così sarebbe ancora facile. Perché poi bisogna essere in grado di trovare un’altra idea, se qualcuno decide che quella da noi difesa a spada tratta non era poi così giusta. Come? Cambiando ogni volta la prospettiva, il nostro punto di vista; ed essere capaci di farlo ancora, ancora e ancora. Senza mai trovarsi a corto di una soluzione.

gaia-manzini

 

Gaia Manzini è nata a Milano e vive a Roma. È una scrittrice, copywriter e consulente di comunicazione freelance. È tra gli autori del soggetto di Mia madre, per la regia di Nanni Moretti (2015). Collabora con Treccani, il corriere.it e Nuovi Argomenti.

Il suo romanzo, Ultima la luce è uscito quest’anno per Mondadori.
Leggi bio completa »